Venerdì, 21 giugno 2024

Terremoto: i ragazzi di Tredozio non studieranno più nelle tende ma in classe dopo 8 mesi

Dopo otto mesi i ragazzi di Tredozio sono tornati in classe. Dopo il terremoto dello scorso 18 settembre, a distanza di otto mesi, i ragazzi della scuola media, primaria e i bambini della scuola dell’infanzia sono tornati a frequentare una struttura scolastica adeguata, dopo otto mesi passati nelle tende. Le strutture storiche, infatti, risultano inagibili. Le nuove strutture, in moduli prefabbricati, non sono le strutture definitive ma per i prossimi due anni circa garantiranno il normale svolgimento delle lezioni. Gli 89 tra ragazzi e bambini potranno studiare in una struttura antisismica, con pareti metalliche e in finto legno, finestre ampie e spazi accoglienti. Attualmente la struttura è a noleggio, ma non è escluso che un domani il Comune la possa riscattare.

Il paese dia Tredozio, in provincia di Forlì-Cesena, è stato il comune dell’Appennino romagnolo più vicino all’epicentro del sisma di magnitudo 4.9 avvenuto nella prima mattinata del 18 settembre scorso, con epicentro Marradi, in Toscana. L’evento sismico ha avuto ripercussioni in una vasta zona appenninica tra la Toscana e la Romagna. Per quanto riguarda il territorio della provincia di Forlì-Cesena erano stati riscontrati danni (sia su strutture pubbliche che private) nei Comuni di Tredozio, Rocca San Casciano, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Modigliana, Dovadola, Portico e San Benedetto.

Didattica e Curiosità