-Evoluzione prevista per la settimana dal 16 al 22 luglio 2018-

Per la prossima settimana è atteso lo sviluppo di un moderato corridoio depressionario di provenienza atlantica su centro Europa, principalmente in quota, dislocato tra due strutture anticicloniche , una su Europa settentrionale, ed una seconda a latitudini del basso Mediterraneo e del nord-Africa. Tale circolazione dovrebbe insistere, a fasi alterne, per gran parte della settimana, relegando i promontorio anticiclonici sub-tropicali a latitudini leggermente più meridionali rispetto a quanto occorso di frequente negli scorsi anni.

Ciò favorirà in un contesto di correnti occidentali in quota leggermente ondulate, il transito di qualche impulso di instabilità, con interessamento essenzialmente del centro-nord Italia, a conferma di una prima parte di estate indubbiamente calda ma anche un po’ più instabile rispetto alle annate più recenti. Una prima fase instabile dovrebbe attuarsi tra le giornate di lunedì e martedì, mentre un secondo più debole e con maggiore incertezza, dovrebbe aversi verso la fine della settimana.

A tale situazione sarebbero associate le seguenti anomalie di geopotenziale sul piano isobarico di 500 hPa (ensemble ECMWF):

ecmwf-ens_z500amean_eu_5

Previsione di ensemble campo medio di geopotenziale a 500 hPa ed anomalie per la prossima settimana. Fonte: ensemble ECMWF

Prevalenti anomalie positive si attendono su nord Europa e nord Africa mentre parziali anomalie negative si stimano tra regno unito, Francia, nord Italia e Balcani laddove agirebbero correnti atlantiche moderatamente instabili.

Per quanto concerne la distribuzione prevista delle anomalie termiche (livello isobarico di 850 hPa) la media di ensemble ECMWF è la seguente:

ecmwf-ens_t850amean_eu_5

Previsione di ensemble anomalia di temperatura a 850 hPa  per la prossima settimana. Fonte: ensemble ECMWF

In questo caso temperature superiori alla norma si avrebbero Europa settentrionale e nord-orientale, nord Africa e Turchia, mentre anomalie leggermente negative sarebbero organizzate lungo un canale esteso tra Francia, Spagna ed in parte Inghilterra (settore occidentale). Il segnale fresco più confidente si nota su Francia occidentale, mentre su nord-Africa potranno aversi temperature molto elevate con intense onde di calore, che però attualmente non sembrano essere in grado di coinvolgere l’Italia se non per brevi fasi sulle estreme regioni meridionali. Sul resto della penisola si avrebbe campo termico confrontabile con la norma (1981-2010) con caldo tipoco della seconda decade di luglio.

Previsione su Emilia-Romagna: settimana caratterizzata da una moderata instabilità tra lunedì 16 e martedì 17 per correnti occidentali debolmente cicloniche e fresche in quota. In queste giornate potremo avere nuvolosità a tratti anche intensa, quasi sempre cumuliforme, con rovesci o temporali un po’ su tutto il territorio. Parziale miglioramento da mercoledì 18, ma una leggera instabilità potrà persistere poiché le aree anticicloniche in rimonta in quota non riuscirebbero a spingersi troppo a nord lasciando ancora agire un letto di correnti occidentali.

Temperature, in relazione all’intera settimana, sono attese entro la norma del periodo o solo appena superiori con buon livello di confidenza, indicativamente con anomalia settimanale di 0-1°C rispetto alla media di riferimento 1981-2010, ma con una probabile fase leggermente fresca nella prima parte della settimana; più calda nella seconda.

Precipitazioni cumulate settimanali all’incirca coerenti con la norma di riferimento o anche superiori, specie sui rilievi e settore pedecollinare causa maggiore attività temporalesca. nello specifico si prospetta piovosità più elevata nella prima parte della settimana; in diminuzione nella seconda, quantomeno su pianure e coste.

Prossimo aggiornamento venerdì 20 luglio.

P. Randi