Benvenuti nella pagina dedicata alle Spiagge dell’Emilia Romagna


- Situazione \ Evoluzione -

BOLLETTINO AGGIORNATO A SABATO 29 APRILE

La perturbazione ci lascia, ma il tempo non migliorerà: aria fresca in quota determinerà instabilità atmosferica nei prossimi giorni con un tipo di tempo estremamente variabile in cui prevarranno le schiarite, ma soprattutto durante le ore centrali della giornata si formeranno molti temporali nelle zone interne i quali, seguendo l’andamento delle correnti in quota, saltuariamente si spingeranno anche in direzione della fascia costiera, specie nella prima metà della prossima settimana.

__________________________________________________________________________________________________

- Dettaglio Previsione -

SABATO 29 APRILE

Instabilità fino alle prime ore del mattino, poi deciso miglioramento

CIELO: irregolarmente nuvoloso al mattino, ampie schiarite entro il pomeriggio con maggiore nuvolosità nelle zone interne

PRECIPITAZIONI: qualche rovescio possibile fino alle prime ore del mattino, specie sulla costa riminese e cesenate, fino al pomeriggio lungo l’Appennino

VENTO: debole \ moderato dai quadranti settentrionali

MARE: da mosso a poco mosso

TEMPERATURE: in lieve diminuzione con massime comprese tra +16\+18°, minime tra +8\+11°

 


 PROSSIMI TRE GIORNI

Domenica 30 Aprile

Prevalenti schiarite

CIELO: sereno o poco nuvoloso su tutta la fascia costiera (maggiori annuvolamenti nelle zone interne appenniniche

PRECIPITAZIONI: assenti (qualche rovescio pomeridiano lungo l’Appennino)

VENTO: debole variabile

MARE: quasi calmo

TEMPERATURE: in aumento nei valori massimi

Lunedì 1° Maggio

Inizialmente soleggiato, aumento dell’instabilità dal pomeriggio

CIELO: prevalentemente poco nuvoloso in mattinata, parzialmente nuvoloso dal pomeriggio

PRECIPITAZIONI: numerosi temporali pomeridiani lungo l’Appennino, in successiva locale estensione verso la fascia costiera con maggiore coinvolgimento dell’area riminese \ cesenate; in serata \ nottata qualche rovescio non del tutto escluso sulla costa ferrarese

VENTO: debole variabile (raffiche di vento nelle aree temporalesche)

MARE: quasi calmo, temporaneamente poco mosso durante il pomeriggio

TEMPERATURE: in lieve diminuzione nei valori massimi

Martedì 2 Maggio

Molta instabilità, specie durante il pomeriggio

CIELO: poco nuvoloso \ parzialmente nuvoloso al mattino, parzialmente nuvoloso \ nuvoloso dal pomeriggio

PRECIPITAZIONI: brevi ed irregolari, più diffuse dalla tarda mattinata lungo l’Appennino, a prevalente carattere temporalesco; temporali in estensione durante il pomeriggio lungo la fascia costiera

VENTO: debole variabile con raffiche di vento nelle aree temporalesche!

MARE: calmo \ quasi calmo, temporaneamente poco mosso \ mosso durante il pomeriggio

TEMPERATURE: senza sostanziali variazioni di rilievo


 

- Probabile tendenza giorni successivi -

Proseguirà l’instabilità pomeridiana fino alla giornata di Giovedì 4, più soleggiato Venerdì 5, in probabile nuova parziale ripresa da Sabato 6.

 

Previsioni a cura di  Andrea Biagini



Sezione curata da Andrea Biagini, Andrea Raggini e Ramon Rubino
In collaborazione con MeteoRimini

evwe

La bellezza della nostra riviera

INVIA anche tu la foto della tua vacanza o gita sulla riviera dell’Emilia Romagna sulla nostra Pagina Facebook, nella nostra mail emiliaromagnameteo@gmail.com oppure su Whatsapp al Numero 344 1315264

per
Il mare è bello ma può riservare piccoli e grandi pericoli. Partiamo dai suoi abitanti e possibili punture e rimedi.

Meduse

Negli ultimi quattro anni il numero di meduse è aumentato nettamente. La medusa più diffusa nei nostri mari è la ‘Pelagia noctiluca, chiamata anche medusa luminosa in quanto emette luminescenza. E’ caratterizzata da un’ombrella a cupola con margine sfrangiato da cui hanno origine alcuni tentacoli lunghi e sottili.

Cosa fare se si è stati punti da una medusa: i sintomi sono bruciore e irritazione, dolore e parastesia (la sensazione che la parte sia come addormentata) e  un leggero eczema (la reazione sulla pelle varia da soggetto a soggetto in base alla sensibilità dell’epidermide). E’ bene sciacquare la zona colpita con acqua salata e rimuovere i residui di tentacoli aiutandosi con una carta di credito o con delle pinzette. Applicare una soluzione di alcol al 40-70% o aceto per 30 minuti. Fare un impacco con il ghiaccio. Se il bambino soffre particolarmente per l’infiammazione applicare una pomata antistaminica o cortisonica avendo cura di non esporlo al sole.

Ricci di mare

La puntura di riccio può essere molto dolorosa e l’edema può dar luogo a infezioni se l’aculeo resta incastrato nella carne. E’ quindi importantissimo riuscire a toglierlo, provando anche con delle garze imbevute di aceto che scioglie i residui delle spine. Una pomata a base di ittiolo può favorire la fuoruscita dell’aculeo. Dopo aver estratto l’aculeo bagnare con acqua calda la zona colpita per 30-90 minuti.

Tracina

Noto anche come ‘pesce ragno‘, è un pesce che vive immediatamente sotto la superficie della sabbia e sporge in fuori con l’aculeo velenoso. La sua puntura provoca un dolore violento e immediato. Se si viene colpiti dal veleno della tracina è bene farlo uscire il prima possibile e disinfettare la parte colpita immergendola in acqua molto calda per almeno 30 minuti: il calore contribuisce ad alleviare il dolore e soprattutto neutralizza l’azione della tossina contenuta nel veleno.

Annegamento

I pediatri avvertono: mai sottovalutare i rischi per i bambini che possono annegare anche in soli 40 cm di acqua e soprattutto mai far fare il bagno ai bambini se il mare è mosso. Spesso si sottovalutano le condizioni del mare e i bagnini addetti al salvataggio spesso si trovano anch’essi in difficoltà.
Fare attenzione alla bandiera che è esposta sulla spiaggia del lido: mai fare il bagno se c’è issata la bandiera rossa (che indica mare troppo agitato) e, consiglia il pediatra Italo Farnetani, meglio scegliere un lido dove i bagnini abbiano a disposizione una scialuppa

Temporali del 15 Luglio 2016
Ph Niccolo’ Ubalducci e Francesco Gennari